Gli abbonati al servizio elettrico nazionale hanno la possibilità di contattare l’operatore attraverso molteplici canali di comunicazione, a seconda della problematica riscontrata. Nel caso specifico in cui si debbano ad esempio inoltrare reclami per un disservizio, effettuare una disdetta contrattuale o si renda necessaria la trasmissione di documentazione integrativa a completamento della pratica avviata, è possibile contattare il servizio elettrico nazionale tramite mail.

 

 

Servizio elettrico nazionale: perchè  contattarlo?

Le motivazioni per le quali spesso si rende necessario contattare il proprio operatore possono essere naturalmente molteplici. Generalmente i clienti contattano per:

  1. stipula o disdetta contratto;
  2. modifica potenza contatore;
  3. invio lettura contatore;
  4. informazioni sui consumi;
  5. domiciliazione;
  6. reclami;
  7. emergenze e problemi;
  8. autolettura del contatore.

 

Il Servizio Elettrico Nazionale, azienda del gruppo Enel che si occupa della fornitura di energia elettrica nel servizio di tutela, o mercato tutelato mette a disposizione  per tutte le suddette necessità un servizio clienti molto efficiente che può essere contattato attraverso i canali più disparati: numero verde, social, chat, o e-mail.

Se il  problema riscontrato non è urgente, ma occorre solo chiedere informazioni o chiarimenti, oppure si debba inviare un documento, è  possibile anche utilizzare il servizio di posta elettronica.

 

  • Servizio Elettrico Nazionale mail

 

Contattare il servizio elettrico nazionale via mail si rende utile e necessario soprattutto quando non sussistono problematiche tali da richiedere un intervento immediato. Nel caso in cui, ad esempio, si debba inviare un reclamo oppure occorra inviare dei documenti è possibile impiegare i canali telematici offerti da Servizio Elettrico Nazionale.

Quali sono gli indirizzi email e PEC utili da utilizzare?

  1. L’indirizzo di posta certificata è [email protected] da utilizzare per tentativi di mediazione e altre comunicazioni ufficiali;
  2. L’invio di documentazione [email protected];
  3. Trattamento dei dati personali [email protected]:
  4. Riattivazione di una fornitura staccata a seguito di morosità o in caso di diffida, inviare la ricevuta di pagamento in formato pdf o jpg a pagamentoallaccio.[email protected]

 

 

  • Che dati servono quando si contatta Servizio Elettrico Nazionale?

Quando si contatta Servizio Elettrico Nazionale è buona norma tenere a portata di mano i seguenti dati recuperabili direttamente in bolletta:

  1. Codice fiscale;
  2. Codice POD;
  3. Codice cliente che identifica il proprio contratto.

Fornendo  questi dettagli, gli operatori avranno  modo di identificare rapidamente la fornitura ed offrire un’assistenza più precisa e puntuale.

  • Da quando non ci sarà più Servizio Elettrico Nazionale?

Ricordiamo che con il termine del regime a maggior tutela, anche il Servizio Elettrico Nazionale è destinato a chiudere. Il fornitore chiuderà infatti i battenti a inizio 2024. Trattasi  di un passaggio volto a favorire la concorrenza nel settore energetico e del gas, con possibili ricadute positive anche  per i clienti finali.

Dopo quella data, gli utenti dovranno trovare dunque un nuovo fornitore luce e gas, scegliendo tra le tante proposte del mercato libero.

 

CONDIVIDI: FACEBOOK | TWITTER |